La metafora della pista di pattinaggio

Quest’inverno e in particolare durante il periodo natalizio mi sono trovato più volte a osservare immagini o spezzoni di film che ritraevano persone intente a divertirsi in una pista di pattinaggio. Come spesso mi capita il cervello mi fa volare oltre, addentrandomi in percorsi mentali che mi fanno apprezzare situazioni di un mondo che avrebbe solo bisogno di rallentare, almeno un po’.

Un uomo e una donna si tengono per mano con vistose sciarpe al collo, indossano berretti con pon pon e vestiti vivaci, che sembrano voler sfoggiare per l’occasione. Ghiaccio è sinonimo di instabilità, è una superficie attraente e traditrice, che ti può donare adrenalina, divertimento, così come duri colpi… È come salire su una giostra, accettando in qualche modo il tuo destino, con l’obiettivo di cavartela in maniera più o meno goffa. Perdere l’equilibrio e volare a terra provocherà dolore ma anche tante risate e non riuscirai a rialzarti da solo, a meno che prima tu non sia caduto molte altre volte. Sarà allora chi è al tuo fianco oppure un passante a tenderti la mano, per invitarti a "tornare a bordo".

Tutti assieme, in cerchio, con il sorriso sulle labbra. Nella pista di pattinaggio si gira tutti nello stesso senso anche se c’è sempre qualcuno che, con manie di protagonismo o grazie a una maggiore esperienza, vuole uscire dal coro mostrandosi forte, lanciandosi qua e là, in avanti o persino all'indietro. Le mani sono spesso in tasca e le gambe sembrano quasi scollegate dal resto del corpo. Questa figura ci distrae ma al tempo stesso ci affascina, vorremmo essere noi a poter cambiare rotta e a dare del tu a quella superficie così beffarda. Ci accorgiamo poi di trovarci mano nella mano con la nostra metà, o comunque con una persona a noi cara: ci sembra quasi di percepire l’emozione che scorre attraverso le terminazioni nervose! In base a ogni slancio, spesso impacciato, la mano dell’altro si stringe maggiormente alla nostra o allenta la presa con un linguaggio non verbale che ha un valore inestimabile, un valore che purtroppo si è completamente perso a causa di questo periodo storico. Incredibile, un animale è entrato in pista! Sorprendentemente ha anche lui grandi difficoltà a mantenere l’equilibrio e sembra vergognarsene, con quella buffa coda fra le zampe.

Siamo tutti animali della stessa specie in questo momento, ci troviamo in un minuscolo mondo ristretto, dove movimento, armonia e gesti sgraziati sono protagonisti di un concerto che allieta la serata di un paese improvvisamente unito, felice e spensierato. Fuori dalla pista occhi curiosi scrutano i protagonisti, che dopo avere sconfitto il timore iniziale si sentono finalmente liberi da ogni timore, è proprio il caso di dire che sembrano avere “rotto il ghiaccio”. Da spettatore attento amo osservare una pista di pattinaggio perché scopro essere un’enorme metafora dell’umanità! Un gruppo di persone di diversa età, sesso o provenienza si butta in una nuova esperienza abbracciando il destino e sorridendo dopo una caduta o piccolo fallimento. Ogni individuo fa parte di un organismo più grande, che si autogestisce, fatto di piccole e vivaci unità che si aiutano a vicenda, senza giudizio. Solo per il gusto di stare bene assieme in un luogo, per andare avanti, ognuno con il proprio ritmo. C’è chi sfreccia ad alta velocità, ci sono piccoli che aiutano genitori e viceversa, ragazzini che si sfidano e provano a catturare l'attenzione di qualche coetanea. Qualcuno sembra riuscire a muoversi soltanto con il supporto di una persona cara, altri invece arrancano solitari aggrappati alla balaustra! Eppure tutti ci provano. Non esistono traguardi, bensì mille strade diverse che disegnano un percorso emozionante, del quale voltandosi si perde traccia. È l’umanità, è il voler sorridere nel proprio imbarazzo, è il dimenticarsi del giudizio a favore di un momento, che nella sua semplicità rimarrà per sempre.

Non dimentichiamo a chi stiamo tendendo la mano mentre pattiniamo e non dimentichiamoci nemmeno delle mani che ci avranno aiutato a rialzarci, portando a casa un insegnamento per la vita. Un giorno forse saremo noi a tendere quella mano in aiuto! Cerchiamo la pista di pattinaggio più vicina a casa e buttiamoci, con il nostro ritmo e con le nostre capacità, potranno succederci solo cose positive.

Life is beautiful, Andre

Immagine © klp instagram



112 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti